L’importanza della colazione

Saltare la prima colazione è un fattore che predispone al sovrappeso ed all’obesità infantile (come affermato dalla Società Italiana di Obesità nel congresso del 2008).

La prima colazione non deve mai essere saltata, spesso accade che siano gli adulti, sopraffatti dalla fretta del mattino oppure abituati loro stessi ad uscire senza fare colazione (magari per poi farla al bar), a non trasmetterne l’importanza ai figli.

Per questo motivo è importante una corretta informazione alle famiglie che spieghi anche quale deve essere la composizione di tale pasto.

Fare colazione al mattino non è perdere tempo. L’essere umano che si risveglia dopo le ore di digiuno notturno, necessita di un rifornimento di energia e, non dimentichiamo, di acqua; i bambini dispongono di meno riserve rispetto agli adulti, quindi hanno ancora più bisogno di introdurre nutrimento. Se il digiuno è prolungato durante la mattinata, l’organismo risparmierà energie dove può, riducendo la propria efficienza.

Come dimostrato ormai da molti studi in tutto il mondo l’efficienza, la concentrazione, l’apprendimento e l’attenzione nel lavoro come nello studio o nello sport, sono significativamente migliori in coloro che consumano una prima colazione corretta.

Appurata l’importanza di questo primo pasto vediamo come dovrebbe essere composto : a livello calorico dovrebbe rappresentare circa il 20% del fabbisogno quotidiano suddiviso in carboidrati semplici, per un’energia immediata, e complessi, per energia a lungo termine; tradotto pane o cereali misti o fette biscottate o torte o biscotti integrali e di cereali vari come farro, orzo, kamut con miele o marmellata o malto. Inoltre proteine e grassi  provenienti dal latte (per chi è intollerante esistono alternative come quello di soia o di riso o di avena) o yogurt. Infine frutta fresca e, talvolta, secca.

Se si preferisce il gusto salato si può unire al pane del prosciutto cotto o del formaggio.

Come sempre è importante variare per evitare eccessi o sovraccarichi o carenze.

Per molte famiglie tutto ciò significa riorganizzare questo momento della giornata, alzarsi magari un po’ prima e abituarsi a preparare quello che si può la sera precedente, ma in cambio si costruisce un momento di condivisione e allegria per la famiglia intera e si agisce per il benessere dei propri figli.

Delia Ravetti, Biologa Nutrizionista Naturopata

per appuntamenti info@alchemia.to.it